Home Calcio Serie A Andrea Stramaccioni: “I giocatori del Napoli stanno soffrendo nel difendere a zona”

Andrea Stramaccioni: “I giocatori del Napoli stanno soffrendo nel difendere a zona”

Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” ha parlaro Andrea Stramaccioni, ex allenatore dell’Inter, ex Ct dell’ Iran ed opinionista Dazn. Ecco le sie parole: “Il Napoli? Non amo giudizi troppo marcati soprattutto all’inizio perché Garcia è un collega. Alcune delle cose che vediamo non sono soddisfacenti in relazione al valore del Napoli. Sto vedendo alcuni calciatori che erano dei pilastri del Napoli, leggermente spenti. Parlo di Lobotka e Anguissa. Giocatori che hanno reso il Napoli solido, in questo caso stiamo assistendo ad una leggerezza a cui non eravamo abituati. Poi c’è il tema Kvaratskhelia che a me sorprende. Il Napoli prende due gol a Genoa e uno a Frosinone su palle inattive. Vedo i ragazzi un po’ spaesati nel cambiamento dalla difesa a zona a quella a uomo. È oggettivo che ci siano delle distrazioni e delle situazioni da registrare che hanno portato alle reti subite dal Napoli.

Juan Jesus? Chiesi al mister perché giocava e lui mi rispose che ne apprezza le doti di leadership nello spogliatoio e in campo. Il giocatore più importante su cui il Napoli ha puntato nella campagna acquisti è Natan che è mancino, questa è una mia perplessità perché anche Juan Jesus lo è.

Kvaratskhelia? Ora è considerato un grande campione, quindi viene raddoppiato sempre. È un giocatore molto giovane, non ce lo dimentichiamo. Il Napoli era in difficoltà nella parte finale della scorsa stagione, ma non lo è mai stata a livello di gioco. La cosa che preoccupa è la facilità con cui gli avversari arrivano al tiro quando i partenopei perdono  un po’ le distanze.

Io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno, può essere che questo sia uno schiaffo. A volte queste sconfitte e questi momenti aiutano. Adesso c’è il Braga che è un club alla portata del Napoli. C’è da sottolineare la reazione della squadra nel voler pareggiare la partita contro il Genoa.

Il Milan ha fallito il primo esame di maturità, ma ha fatto vedere grandi cose”.