Home Senza categoria Klopp:”A Napoli non fu una serata normale”

Klopp:”A Napoli non fu una serata normale”

Jurgen-Klopp

Il tecnico del Borussia Dortmund Jürgen Klopp ha parlato del match decisivo di domani sera contro il Napoli in conferenza stampa, ecco le principali dichiarazioni:” Il Napoli è una squadra vicina al nostro livello. Ci hanno battuto all’andata, ma non fu una serata normale. La partita fu influenzata da due episodi: l’espulsione di Weidenfeller e la mia, se fossi stato l’arbitro, avrei usato buon senso. Subotic stava rientrando dopo le cure mediche, avrei fatto riprendere il gioco con calma, invece abbiamo preso gol”

Obbligo di vincere -“Siamo abituati, non ho mai giocato per pareggiare, forse una sola volta a Madrid lo scorso anno in semifinale”

Il Calcio – “Il calcio per me è energia. Sono felice quando le statistiche a fine partita dicono che abbiamo corso 10 km più degli avversari. C’è chi obietta: si deve correre nella direzione giusta. Okay, nella direzione giusta, ma meglio 10 km più degli altri. È la prima regola che ti danno da bambino: corri”

L’Europa invidia il modello Borussia – “Non è una cosa che incide sulle mie giornate, mi rende orgoglioso, ma io non lavoro per essere orgoglioso di me. Mia madre deve esserlo. Lo ammetto: non mi piace che tutti parlino di modello Borussia”

Come descrive il modello Borussia? – “Siamo gli unici che possono andare da un ragazzo di talento a promettergli che da noi crescerà in un ambiente stabile, con lo stesso allenatore. Responsabilità degli uni verso gli altri. Se perdi 10 partite di fila altrove pensano sia normale cambiare. Qui no. Eppure, se il Borussia cercasse un nuovo allenatore, arriverebbero a piedi dalla Cina. Questa responsabilità vale anche per me. Il Borussia sa che se mi chiama il Real Madrid, io resto qui”

Il calcio italiano – “Non ho tempo per guardare tante partite, sono sorpreso dalla Roma, da come la fa giocare Garcia. Bellissima. Quando poi c’è Totti… È incredibile Totti. Anche se non sono bei giorni per l’Italia, eravate i migliori in difesa”.