Vincenzo De Luca: “In Campania è ancora obbligatorio l’uso della mascherina”

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha fatto la solita diretta Facebook del venerdì. Ecco le sue dichiarazioni: “In questa settimana si è parlato della mobilità interregionale con il Governo e la campania ha fatto presente che in un determinato territorio ci sono più contagiati, non è un discorso di guerre tra Nord e Sud. Ci auguriamo che il Governo ci dia un criterio preciso. Io mi preoccupo della nostra Regione per non far diffondere il contagio e i focolai, vedo troppa gente che pensa che sia finito tutto. La Campania è l’unica Regione che ha difeso l’unità nazionale. Con questi chiari di luna è assurdo fare le guerre tra Nord e Sud. La Campania è stata l’unica Regione a non praticare il concetto di Regione differenziata.Solidarietà agli amici della Lombardia e al governatore Fontana per le minacce ricevute. Poi ricordo il gemellaggio con Milano tra l’ospedale Nigaurda e il Cardarelli. Sulle elezioni regionali, il Governo è stato leggermente irresponsabile sul voto alle regionali, visto che l’Italia è ripartita. Per riaprire le scuole, quest’anno si dovrà fare un lavoro massiccio, ed è impensabile aprire le scuole a metà settembre e poi il voto. In caso di ballottaggi, cosa si fa si aprono ad ottobre le scuole?Poi c’è il rischio che ritorni l’epidemia da Covid-19.

In Campania pensiamo di fare il tampone a tutto il corpo docente.

Il decreto rilancio prevede una penalizzazione per le zone rosse, abbiamo presentato degli emendamenti, per non danneggiare Ariano Irpino e il Vallo di Diano. Ho fatto presentare emendamenti perché la Campania ogni anno viene derubata sulla Sanità ed è la Regione che riceve meno soldi Pro-capite in media di tutta l’ Italia. C’è un altro furto ai danni della Campania 240 milioni di euro Ministro dell’Economia, che ci spetta e fanno finta di non sentire. Ne ho parlato con il Ministro che è una persona garbata e amica, poi ne ho parlato pure con il Presidente del Consiglio. Impiegheranno 60 mila assistenti volontari. Bene il governo non ci ha dimenticato, direi che questa è un’operazione mistica. Cosa faranno questi volontari? Praticamente faranno gli esercizi spirituali.

In campania abbiamo fatto un operazione che ci inorgoglisce la pensione al minimo verrà raddoppiata 500 euro in più per il mese di maggio e giugno. Abbiamo fatto una convenzione con l’ Inps. Parte da oggi pure il contributo integrativo stagionali del turismo per 4 mesi 300. Abbiamo aperto tante attività, in ultimo palestre, piscine, a Ravello abbiamo fatto una bell’iniziativa per i 150 anni di Wagner. Non bisogna fare uscite inutili, dobbiamo garantire che il nostro territorio è sicuro.

L’obiettivo della Campania è aprire tutto, per non richiudere. In Campania dobbiamo evitare ciò Da metà giugno partirà il weeding, noi ci presentiamo di settimana in settimana per riordinare le ordinanze. La vendite di alcolici sarà vietata alle ore 22.00 fuori dai locali la vendita di alcolici per asporto, si potrà stare seduti nei bar fino alle ore 1.00. Noi vogliamo che la movida venga fatta ma in sicurezza, non è impossibile vivere in allegria, in serenità e in sicurezza. Stiamo lavorando pure per voi e per i tanti gestori di bar e pub per aprire tutto. Adesso abbiamo fissato le ore 1.00 di chiusure, no per bar e pizzerie, comuni consentiremo alle richieste che ci saranno in deroghe di aprire pezzi di città, oltre che per attrarre, pure per decongestionare i centri storici, la task force della Regione Campania valuterà quali zona si potranno aprire. Noi siamo impegnati a creare economia e ricchezze per sempre, non per finta ma con responsabilità, ma non per chiudere. Dobbiamo avere il 100% dei vaccinati contro le influenze, mi riferisco soprattutto agli anziani, ho parlato con i pediatri per le vaccinazioni obbligatorie per i bambini. Ringrazio i cittadini di Ariano Irpino per la disponibilità dei test sierologici, che serviranno per la ricerca scientifica nazionale. E’ stato un impegno straordinario della Regione, che meritava così come i cittadini di Ariano. Noi ci impegniamo per spegnere i focolai.

Allora come sempre un saluto affettuoso ai nostri concittadini e la raccomandazione e di usare la mascherina, lo so che fa caldo, ma qui in Campania è obbligatorio. Non bisogna abbassare la mascherina a 50 cm di distanza quando parlate è proprio così che si mischia il virus. e bisogna evitare il contagio. Ieri abbiamo avuto 10 casi positivi e nessuno di Ariano,che bella soddisfazione. L’altro ieri 4, ieri 10. C’è questa altalena che per me è preoccupante. Abbiamo quasi rimosso il problema dell’epidemia. Chi ha responsabilità istituzionale, non può sottovalutare questi problemi. 10 contagiati significa che dobbiamo controllare 100 persone che sono entrate in contatto. Aiutateci con comportamenti responsabili”.