Tennis

Tennis: Thiem ko, Nadal re a Parigi per 11/a volta

image_pdfimage_print

Dominic Thiem era l’unico a poter fermare la corsa di Rafa Nadal verso la leggenda, essendo stato il solo a batterlo in questa stagione sulla terra. Purtroppo per l’austriaco, alla sua prima finale in uno slam, in questo periodo lo spagnolo è a detta di tutti “imbattibile” sul rosso e così la sfida per il titolo 2018 a Parigi non ha avuto quasi storia.  LE FOTO Col punteggio di 6-4, 6-3, 6-2, il numero uno al mondo si è conquistato il diritto di alzare per l’11/a volta il trofeo del Roland Garros. Nessuno era mai riuscito a tanto in un torneo maschile dello slam e tra le donne l’unica ad arrivare a tanto era stata tra Margaret Smith, undici volte vincitrice in Australia tra 1960 e 1973. Nadal incamera così il suo 17/o slam in carriera e si assicura anche il primo posto nel ranking mondiale davanti a Roger Federer. La paura ad un passo dal trionfo. Rafa Nadal, subito dopo la vittoria al Roland Garros, ha confessato che un forte crampo ad una mano gli ha fatto temere di diverso ritirare durante la finale con Dominic Thiem. “Avevo una specie di crampo alla mano sinistra nel terzo set e la cosa mi ha spaventato – ha dichiarato lo spagnolo -. Mi ero messo delle bende a causa del sudore, forse ce n’era una troppo stretta. Un dito non si muoveva e non potevo più tenere la racchetta. Avevo paura di aver fatto tanta fatica per niente”. La cosa, per fortuna sua, si è risolta con un breve intervento medico, consentendogli di liberare il dito prigioniero e quindi alzare per l’undicesima volta la Coppa dei Moschettieri. Nadal si è anche congratulato con il suo avversario: “Non ha vinto quest’anno, ma sicuramente qui avrà molte opportunità per conquistare il titolo”.

Fonte: ansa.it

comments