Rino Foschi: “Avevo ceduto Dybala al Napoli per Jorginho più 20 milioni di euro”

image_pdfimage_print

L’ex direttore del Palermo Rino Foschi ai microfoni di Radio 1 Station trasmissione condotta da Luca Cerchione ha svelato un retroscena di mercato. Ecco quanto dichiarato: “L’Italia, martedì sera, ha dato un segnale importante. Non abbiamo disputato un buon primo tempo, ma siamo passati facendo tutto bene nel secondo, con dei recuperi importanti,  grazie alla nostra freddezza nei rigori, al miglior portiere in circolazione e ad un Jorginho che fa parte di un’altra categoria.

Donnarumma? Sta disputando un torneo importante, non è che il giocatore sia senza squadra, ma in questo momento le chiacchiere non devono disturbare. Di lui si parla tanto perché è il più forte, ma ci sono delle regole. Il Milan, giustamente, non si è sentito di dargli più di quanto aveva offerto per evitare complicazioni finanziarie, e dall’altra parte c’è un procuratore che dirige le note. Un tifoso è amareggiato, ma non esiste più l’attaccamento alla maglia. Il ragazzo è giovane, è bravo, giusto che abbia la possibilità di guadagnare di più, il calcio è questo, non è che il Milan l’ha cresciuto e allora tutto è dovuto ai rossoneri.

Insigne? Vale lo stesso discorso del portiere. Il calcio è in deficit, non si possono fare spese folli. Se un giocatore ha la possibilità di guadagnare una cifra importante, è giusto che ci pensi. Nel 2006 avevo cinque campioni del mondo al Palermo. Prima di partire per la competizione già mi chiedevano l’aumento. Toni guadagnava 900mila euro, quando arriva una Fiorentina che gli offre 2.5 milioni di euro all’anno, non puoi farci niente. Questa è la legge del mercato. Non è il calcio romantico di 20-25 anni fa, è solo business. Esistono società, come Juventus, Milan e Inter, che sono sommerse da passività e continuano ad andare avanti, poi c’è chi è bravo ad ottenere risultati e non andare con i conti in rosso come l’Atalanta. Anche il Napoli ha lavorato bene, ADL ha costruito un’ottima squadra e non è affogato da debiti. 

Un nome dell’Italia che mi ha impressionato più di tutti? Vi racconto un retroscena su Dybala. Prima di andare alla Juventus, avevo venduto l’argentino al Napoli per Jorginho più 20 milioni di euro, ma Zamparini  bloccò la cessione perché tutti, tranne il sottoscritto, gli parlavano male dell’italo-brasiliano. Lo reputavo già allora il più forte centrocampista in Italia. La nostra Nazionale non aveva un calciatore così in quel ruolo da tempo. Il rigore finale l’ha calciato come se giocasse fra amici. È stata la ciliegina sulla torta di una stagione straordinaria”. Probabilmente questa trattativa era in procinto di andare in porto negli anni di Benitez in panchina viste le difficoltà di Jorginho nel giocare in un centrocampo a 2 come ha ammesso pure Sarri nella recente intervista rilasciata a Sportitalia.

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close