Prof. Portella: “I nazionali del Napoli non dovrebbero aver contratto il Covid-19”

Giuseppe Portella professore di patologia clinica alla Federico II e membro dello staff che segue i tamponi del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte per spiegare la situazione dopo il cluster che si è aperto nella Nazionale italiana di calcio. Ecco le sue dichiarazioni: “Insigne, Zielinski e Meret sono ancora a rischio visto il focolaio? Francamente sono passati vari giorni, la Ssc Napoli ha comunicato di monitorare i reduci dalle nazionali. Penso che la situazione sia abbastanza tranquilla.

Vero che hanno potuto fare solo tamponi antigenici rapidi, ma se fosse emerso qualcosa si sarebbe visto . A breve dovrebbero arrivare i tamponi di stamattina quindi speriamo di chiudere oggi questa storia e di confermare i risultati negativi”. “Dopo 6 giorni il pericolo è scampato? Per essere formalmente certi dovremmo attendere ancora qualche altro giorno ma più ne passano e meno dobbiamo preoccuparci .Dopo vari giorni la negatività ci fa stare abbastanza tranquilli. Per una questione formale possiamo parlare di scampato pericolo dopo una decina di giorni. Zielinski è stato sottoposto a una vera e propria tortura, ha fatto 5 tamponi in pochi giorni – ricorda il professore -. Purtroppo non c’è alternativa. Si è provato a usare tamponi salivari ma l’efficacia non è la stessa”.