Roberto-Donadoni

Sappiamo tutti che andremo ad affrontare un’ottima squadra. Sono convinto che ognuno di noi deve avere l’obiettivo di non accontentarsi e di saper andare oltre il compito di fare le cose per bene. I professionisti che lavorano al nostro livello devono avere questa mentalità. Ecco perchè voglio che ogni giocatore in questo gruppo sia convinto delle proprie capacità. A Napoli c’è bisogno di fare una partita al top. Ci vorranno spirito di sacrificio, volontà e determinazione totale, ma solo così si riesce a tirar fuori quel qualcosa in più che alla fine fa la differenza. L’importante è essere squadra, tutti insieme. Non voglio vedere un Parma rinunciatario o tanto, per intenderci, quello del primo tempo contro la Lazio. Lì è stata proprio l’attitudine che non mi è piaciuta, e infatti nel secondo tempo si è vista in campo una squadra diversa”. Si parla poi di moduli e di tattica: “Tutti i sistemi di gioco sono buoni se sono interpretati bene. Se i giocatori giocano una partita per fare meglio dell’avversario ed entrano in campo per determinare la gara il modulo può anche essere secondario. E’ altrettanto vero che contro certi avversari giocare con un modulo piuttosto che un altro può dare un vantaggio. Comunque io credo che ogni allenatore cerchi di mettere in campo la squadra in base a quelle che sa essere le caratteristiche tecniche e di duttilità dei propri giocatori”. Su Gargano: “Walter si aggregherà a noi direttamente a Napoli ma con la Nazionale, al pari di Mesbah, ha raggiunto un traguardo importante, e questo dà sicuramente entusiasmo”. Su Paletta: “Sul suo impiego ho ancora un dubbio. Valuterò bene anche parlando con lui, perchè quando un giocatore ha un lungo percorso legato a un infortunio è bene fare tutti i ragionamenti del caso”. Qualcuno ha scritto di spie a Collecchio, che è successo? “Direi niente – sorride il mister – qui quando le porte sono aperte possono entrare tutti liberamente. Nel caso specifico sono state chieste a una persona le generalità, e questa invece di fornirle ha pensato bene di allontanarsi e di togliere il disturbo, tutto qui. Può essere quella di domani la partita di Sansone? “Deve essere la partita di tutti, non solo di Sansone, o di Gargano o di Biabiany… Tutti devono essere al top, lavorare al meglio durante la settimana e poi farsi trovare pronti”. Può essere un vantaggio affrontare il Napoli che ha un impegno ravvicinato in Champions? “Posso dire che quando giochi una gara e poi subito dopo hai un impegno di Coppa è proprio affrontare bene questa partita a darti la carica giusta per giocare al meglio poi anche il match successivo”.

Fonte : fcparma.com

Di Redazione Mundo Napoli Sport 24

Testata Giornalistica sportiva on-line, aggiornamenti live h24 sulle vicende del Calcio Napoli e non solo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *