Calcio Serie ASeconda pagina

Membro Collegio di Garanzia del Coni Maietta: “Per la vicenda Juventus-Napoli, ci sono cinque scenari possibili”

Insigne
image_pdfimage_print

Angelo Maietta, membro del Collegio di Garanzia del CONI ha parlato di Juventus-Napoli e lo fa ai microfoni de Ilbianconero.com: “Innanzitutto volevo dire che io non ho nessun cuore azzurro, sono avellinese! Comunque, per il ruolo che ho, e guai se facessi il contrario, di esprimere giudizi su Juventus e Napoli non importa assolutamente nulla. Ci portano le carte e io non parteggio né per l’uno né per l’altro. Io vorrei che si leggessero correttamente le mie parole”.

Cosa succede dopo il no della Corte d’Appello? Viene presentato il ricorso presso il Collegio di Garanzia del Coni, il quale fissa udienza e sezione di competenza. Che saranno in questo caso le sezioni unite. In seguito , le sezioni unite fissano un’udienza, ed entro 5 giorni viene emesso un dispositivo con l’esito.

Ci sono cinque scenari: Primo, ricorso inammissibile e si chiude tutto. Secondo, ricorso ammissibile, ma rigettato, quindi si conferma quanto detto nella sentenza di appello. Terzo, ricorso accolto con rinvio, perciò si rimanda ad altra sezione della Corte d’Appello, specificando i principi di diritto a cui doversi uniformare. Quarto, totale riforma della sentenza d’appello, con annullamento e azzeramento delle sanzioni. E quinto, accoglimento parziale, ovvero: il Napoli ha fatto qualcosa che non doveva fare, ma essendoci altre argomentazioni che incidono su diritti di un certo tipo, la sanzione è troppo grave e si possono annullare o il 3-0 a tavolino o il punto di penalità. Finito questo, si può andare al Tar e poi eventualmente al Consiglio di Stato.

Per che cosa si fa ricorso al Consiglio di Stato? Chirico ha ragione quando cita le sentenze della Corte Costituzionale, ma quando cita l’ultima del giugno 2019, e non nel 2018, va spiegata bene la situazione. La Corte sostanzialmente dice: “È vero che la legge 280 comma 2 e 3 dice che non si può andare al Tar per lamentare violazione dei diritti soggettivi per le sanzioni di tipo-tecnico sportivo, ma attenzione c’è un’eccezione. Poiché il bene vita e i cosiddetti diritti soggettivi, che possono essere ricondotti a interesse nazionale nell’ordinamento giuridico della Repubblica, possono essere derivanti dalle sanzioni, come in questo caso, allora è possibile che ci possa essere una forma di tutela. La tutela risarcitoria, di cui io ho parlato, può essere di due tipi: forma specifica o per equivalenti”.

TUTELA RISARCITORIA – “Cosa si intende? Quando io parlo quindi di tutela risarcitoria voglio dire: le parti in causa possono prendere soldi oppure chiedere a mo’ di risarcimento, perché lo prevede il Codice Civile, il reintegro in forma specifica, ossia la ripetizione della partita . Ma non sono cose che io dico per illudere qualcuno. Io ho dato un commento tecnico. Il merito non lo decido. Non posso disquisire di quello e non m’interessa neppure. Sia perché non conosco le carte, sia perché il Collegio di Garanzia non può fare riesame nel merito, sia perché io non esprimo giudizi su quello che ha fatto la Corte finché non arrivano le carte. Io sono una persona estremamente ordinata e terza. Tar? Il perimetro è molto ristretto: la norma dice “Puoi andare al Tar se ci sono diritti soggettivi violati talmente forti che sono utili all’interno dell’ordinamento della Repubblica”.

Claudio Gervasio
Claudio Gervasio nato a Napoli. Ha conseguito il diploma di Liceo Lingustico, la laurea in scienze della Comunicazione all'Unisob con master di Scienze Investigative Criminologiche e politiche della Sicurezza. Appassionato di giornalismo, è un collaboratore spontaneo di MundoNapoliSport24

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close