Gonzalo Higuaìn: “In otto partite ho segnato sei gol contro il Napoli”

image_pdfimage_print

L’ex attaccante argentino del Napoli Gonzalo Higuaìn ora in America con l’ Inter Miami ha rilasciato un’intervista a TyC Sports. Ecco quanto dichiarato: “Alla Juventus è dove sono stati più esigenti sul peso. Mi facevano foto ogni anno, ma mi piacevo perché sapevo come sarebbe andata a finire… Con 30 gol. A volte tenevo dentro la pancia per le foto”.

Ha giocato sia con Ronaldo che con Messi.
“Sì, e se non sono stato quello che ci ha giocato di più, sono secondo. Se devo scegliere, dico Leo”.

Che legame ha con Julian Alvarez?
“L’ho scoperto io… Giocava da numero 8 e gli ho detto che per me era un 9. Sono contento che stia facendo bene”.

Con quale tecnico è stato più in sintonia?
“I tre allenatori migliori che abbia mai avuto sono stati Sabella, Pellegrini e Sarri. Lascio perdere Maradona, lui è un caso a parte, è stato il primo a portarmi in Nazionale e gli sarò eternamente grato”.

Ci racconta il trasferimento dalla Juventus al Napoli?
“Me ne sono andato dopo aver segnato 36 gol in un grande clun eppure non eravamo diventati campioni. Mi chiedevo cos’altro dovessi fare e quando la Juventus è arrivata non c’era spazio per dubitare. Non l’ho mai fatto, anche se è stata una decisione che mi è costata. Nella vita, però, il male torna tutto indietro: vedi gli insulti e l’odio ricevuto dai tifosi del Napoli, ma poi in otto partite ho segnato sei gol contro di loro. Ricordo che stavo per andare all’Arsenal, quando ero a Napoli, ma mi dissero che costavo troppo. E pochi giorni dopo hanno speso 80 milioni per Ozil (ride, ndr)”.

Chi inviterebbe a un asado?
“I miei tre ospiti ideali sono: Ronaldo (il Fenomeno, ndr), Buffon e Sergio Ramos”.