sabato, Settembre 19, 2020
NewsSeconda pagina

Gianluca Gaetano: “Momento difficile per la Campania, non esco di casa da due settimane”

Gianluca Gaetano, calciatore in prestito alla Cremonese ma di proprietà del Napoli, ha rilasciato un'intervista al Corriere del Mezzogiorno.

NAPLES, ITALY - JANUARY 13: Gianluca Gaetano of SSC Napoli in action during the Coppa Italia match between SSC Napoli and US Sassuolo at Stadio San Paolo on January 13, 2019 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)
image_pdfimage_print

Gianluca Gaetano ha lasciato Napoli per la prima volta nel mese di gennaio, direzione Cremona, per sei mesi di prestito alla Cremonese. Il giovane regista azzurro si è soffermato sull’emergenza Coronavirus lontano da casa in un’intervista concessa al Corriere del Mezzogiorno: “Non metto il naso fuori da casa da quindici giorni, spesa on line e allenamenti mattina e pomeriggio. A Cremona è stato un dramma, ho sempre cercato di mantenere la calma, di attenermi scrupolosamente alle regole. Ma confesso che ci sono stati momenti di grande sconforto. La città si è data da fare subito, la Cremonese ha anche sostenuto economicamente la costruzione di un ospedale da campo. Io ho aiutato il Cotugno, l’ospedale della mia città. Il momento è difficile anche in Campania, l’ho fatto con il cuore”.

CAOS CADETTO – In Serie B, tra l’altro, c’è stato anche un po’ di caos a causa dei rinvii arrivati in ritardo, quando addirittura i calciatori erano già in campo. Il centrocampista classe 2000 spiega: “Ero anche arrabbiato, avevamo già raggiunto lo stadio, la concentrazione era a mille. Volevo scendere in campo per la mia squadra e poi il dietrofront. In quei giorni il Coronavirus ci veniva raccontato come un’influenza. Una emergenza da tenere sotto controllo. Nessuno credo immaginasse la portata che avrebbe avuto. Abbiamo continuato ad allenarci con tutte le precauzioni del caso: sedute all’ aperto senza utilizzo di palestra e di mensa. Poi lo stop e tutti a casa. Per fortuna, la mia fidanzata Maria è con me ed è un grandissimo sostegno psicologico. Cremona è il cuore dell’emergenza”.

FUGA DA CREMONA? – Tanti sono i lavoratori che dal Nord si sono spostati subito verso il Sud ad emergenza già cominciata e anche divampata. Tra questi non c’è però Gaetano, che è rimasto a Cremona: “Se ho mai pensato di rientrare a casa? Confesso di sì. Ma è stato soltanto il pensiero di un momento. Con la mia fidanzata ci siamo detti che sarebbe stato pericoloso, per noi e soprattutto per le persone che avremmo incontrato. Il momento è difficilissimo, nessuno dovrebbe muoversi di casa. Soltanto così, secondo me, è possibile vedere la luce in questo tremendo buco nero”.

Fonte: TuttoNapoli.net

Giuseppe Nicola Acierno
Collaboratore Spontaneo di MundoNapoliSport24, con la passione per il giornalismo e tifosissimo del Napoli.

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close