Ghoulam: “Siamo dispiaciuti per aver perso la Supercoppa contro la Juve”

image_pdfimage_print

Faouzi Ghoulam, difensore del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni in occasione dell’intervista rilasciata a Napoli Magazine. Ecco cosa ha detto: “Siamo dispiaciuti siamo stati un bel po’ male. Poi è chiaro che fa male di più perché la sconfitta è avvenuta con la Juve. Conosciamo tutti la rivalità che c’è tra le due squadre. E’ sempre un orgoglio vincere contro di loro. Rispetto alla finale di Coppa Italia, questa partita è stata più complicata. Il campo, che non era in perfette condizioni, non ci ha aiutato. Loro sono arrivati a questa sfida dopo momenti complciati , hanno tirato fuori l’orgoglio perché dovevano rifarsi. Hanno messo tutto in campo contro di noi, anche non disputando una partita incredibile e alla fine hanno vinto. E’ stata un po’ la Juve degli ultimi anni: non producono un gioco importante, ma vincono. Questa è la mentalità che fa la differenza. Ma sono due cose diverse la Supercoppa l’hanno vinta loro. I due scontri diretti non sono decisivi perché il campionato è ancora molto lungo. C’è tempo per recuperare o perdere altri punti per strada. La finale di Supercoppa era una partita speciale, ma dobbiamo dimenticarla in fretta.

Nessun problema per il rigore sbagliato contro la Juve dal capitano. Sono tantissimi anni che gioco con Lorenzo Insigne. Gli ho detto che non dobbiamo dimenticare ciò che ha fatto: ha risolto tantissimi match, ci ha dato una grande mano negli ultimi anni. E’ il nostro capitano e, soprattutto, è napoletano. Dobbiamo rispettare tutto ciò che rappresenta, sia dentro che fuori dal campo. Gli attacchi che ha ricevuto negli ultimi giorni non mi sono piaciuti. Per il popolo napoletano ha dato tanto e continuerà a farlo col sostegno di tutti, ancora di più. La parola scudetto a Napoli non viene pronunciata, per cui non ne parlerò. Per tanti anni ne abbiamo parlato e alla fine non abbiamo vinto. Bisogna vedere cosa accade partita dopo partita, perché è l’anno in cui questa parola ha molto senso. Nelle scorse stagioni abbiamo evitato di parlarne troppo per ridurre le pressioni. La classifica è molto corta, dobbiamo essere sempre sul pezzo: ogni partita, per me, vale anche più di tre punti.

Sono a Napoli da tanti anni e mi risulta complicato pensare di andare altrove. Sono molto attaccato a questa città, come lo è la mia famiglia. Ci penso due volte prima di avere un pensiero alle opportunità che può offrire il mercato. Sono voci che girano. Mi auguro di avere ancora l’opportunità di farmi vedere, perché credo di meritarlo e perché fisicamente sto bene. Su Lozano a inizio anno ho fatto una chiacchierata con Koulibaly e con il direttore (Giuntoli, n.d.r.). Vedremo a fine anno cosa accadrà, abbiamo fatto una scommessa tra di noi amichevolmente. Posso dirvi che finora il campo ci sta dando ragione. Questo discorso lo abbiamo fatto in ritiro, quindi “El Chucky” non aveva giocato nemmeno una partita, ma noi già avevamo notato le sue qualità sia in allenamento che nelle partite in cui era stato impiegato, seppur per spezzoni. Con la fiducia del mister, e tanta continuità, sta facendo bene. E’ sicuramente un’arma in più”.

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close