Gerard Deulofeu: tutto quello che c’è da sapere sull’ormai (probabile) prossimo acquisto del Napoli

image_pdfimage_print

Manca poco più di una settimana all’inizio della sessione di mercato estiva, ma sono diverse le trattative, che il club di De Laurentiis sta conducendo su più fronti: da un lato, sono numerosi i calciatori azzurri il cui futuro è in bilico, ma, dall’altro, vi sono anche alcune operazioni in entrata che potrebbero concretizzarsi a breve. Tra queste vi è certamente quella, confermata anche da diversi esperti di mercato, che porterebbe all’ombra del Vesuvio Gerard Deulofeu dell’Udinese. Tra le società ballano pochi milioni, ma Deulofeu sembra essere ormai destinato a vestire la maglia del Napoli in vista della prossima stagione. Giocatore di grande talento, l’attaccante spagnolo, dopo un paio di annate sottotono, ha concluso la scorsa stagione siglando 13 reti e dimostrandosi decisivo per la salvezza della squadra friulana. Riuscirà a ripetersi in maglia azzurra?


Con la fine del campionato, terminato oramai da quasi un mese, si torna a parlare di calciomercato, un periodo fondamentale per le squadre che hanno la necessità di rinforzare la rosa, al fine prepararsi nel migliore dei modi al campionato che verrà. Tra i club italiani attualmente più attivi su mercato, nonostante la sessione estiva aprirà i battenti ufficialmente solo il prossimo 1° luglio, c’è sicuramente il Napoli: la società partenopea infatti, dopo gli acquisti di Kvaratskhelia e Olivera, avrebbe intavolato su più fronti trattative in entrata ed in uscita, al fine di completare, il più rapidamente possibile, l’organico che avrà a disposizione il tecnico Luciano Spalletti a partire dal prossimo 8 luglio, data d’inizio del ritiro azzurro di Dimaro-Folgarida.

Nel capoluogo campano sembra tirare aria di grandi cambiamenti. Dopo il doloroso addio a capitan Insigne e il tira e molla sui rinnovi di Mertens e Koulibaly, che sembrano però aver preso una piega favorevole negli ultimi giorni, in casa Napoli ci sono almeno tre “scontenti” che potrebbero presto cambiare aria e portare introiti nelle casse azzurre.

Nomi alla mano, per motivi diversi, alla corte di Spalletti i giocatori con le valigie pronte sembrano essere Matteo Politano, Adam Ounas, Andrea Petagna, Diego Demme e Fabian Ruiz: cinque calciatori importanti che, in caso di cessione, potrebbero far incamerare alla società di De Laurentiis un tesoretto da circa 100 milioni di euro. Una cifra sicuramente importante, che il patron azzurro potrebbe decidere di investire immediatamente sul mercato per rinforzare la rosa. Impresa non facile, certo, ma comunque fattibile.

Oltre a convincere Koulibaly a restare, a riprendere il discorso con Mertens ed a respingere l’assalto a Victor Osimhen, la dirigenza azzurra quest’estate dovrà piazzare colpi importanti per dare più solidità e qualità ad una squadra, che si accinge ad iniziare una stagione lunga e difficile, in cui vi sarà da affrontare altresì il faticoso impegno della Champions League.

Il reparto con maggiori criticità sembra essere, alla luce di quanto sopra esposto, quello offensivo ed ecco perché si starebbe cercando un jolly, che possa ricoprire tutti i ruoli dalla trequarti in su. A tal proposito, le attenzioni della dirigenza partenopea sembrerebbero tutte rivolte, da un mese a questa parte, per Gerard Deulofeu dell’Udinese. Così come confermato dalla radio ufficiale del club azzurro e da fonti vicine alla società friulana, il Napoli e l’Udinese sarebbero molte vicine alla chiusura di un affare che porterebbe, all’ombra del Vesuvio, l’esterno d’attacco spagnolo.


I presidenti dei due club, De Laurentiis e Gino Pozzo, avrebbero persino trovato un accordo: il trasferimento in azzurro dovrebbe avvenire su una base da circa 20 milioni di euro, mentre l’attaccante bianconero dovrebbe firmare un quadriennale da 2 milioni di euro annui. In ogni caso, come già anticipato, il futuro del Napoli passa dalla cessioni, ma l’eventuale acquisto di Deulofeu potrebbe risultare un colpo importante (anche e soprattutto per il morale della tifoseria, mai così distante sentimentalmente, come in questo momento, dalla squadra) per una piazza come quella partenopea.


Il calciatore è infatti reduce da una stagione straordinaria, la migliore mai disputata in carriera: con la maglia dell’Udinese, in appena 34 match di campionato, ha messo a segno ben 13 reti e 5 assist, partecipando al 32% dei gol totali della propria squadra, di cui è stato capocannoniere nonché leader indiscusso. Sembra, dunque, finalmente pronto per un salto definitivo in una big, cosa che, nel corso della sua carriera, non è mai avvenuta, a causa soprattutto degli innumerevoli problemi fisici patiti nel corso delle tribolate e passate stagioni e che sembrano avergli dato, da ultimo, una tregua.

Spagnolo classe ’94, Deulofeu cresce calcisticamente nella cantera del Barcellona dal lontano 2003, nell’epoca aurea della Masia blaugrana, per poi arrivare all’esordio con la squadra B nel 2011, con cui gioca sino al 2013 mettendo insieme 68 presenze e la bellezza di 38 gol. Nella stagione 2013/14 viene mandato in prestito all’Everton in Premier League, dove colleziona 25 presenze e 4 reti.

All’inizio dell’annata successiva viene girato nuovamente in prestito, questa volta però nella sua Spagna, al Siviglia (con cui vince, peraltro, il suo unico trofeo internazionale in carriera, l’Europa League), dove raccoglie 18 presenze, condite da soli 2 gol. Nel 2015 viene stavolta acquistato a titolo definitivo dall’Everton, con cui gioca fino al 2017, rendendosi autore, in 2 stagioni, di appena 36 presenze e un paio di reti.

Nel gennaio del 2017 fa la conoscenza, per la prima volta, del campionato italiano, passando in prestito secco al Milan fino al termine di quella che sarà per lui una stagione piuttosto positiva: accumula, infatti, con la maglia rossonera 18 presenze e 4 gol. Nella stagione 2017/18 fa ritorno a titolo definitivo a Barcellona, questa volta in prima squadra, dove però, pur vincendo il campionato, non riesce a spiccare ed a consacrarsi definitivamente: per lui solo 10 presenze e 2 reti in totale con i catalani.

Per questi motivi nel 2018 viene acquistato dal Watford di Pozzo, quest’ultimo proprietario anche dell’Udinese, con la cui maglia riesce a mettersi in mostra ed a brillare per un biennio (durante il quale riporta anche una rottura del legamento crociato del ginocchio destro), collezionando 65 presenze e 15 gol.


Dal 2020 milita nell’Udinese, squadra di cui, come già si è detto, è il giocatore più rilevante sia per carisma che per doti tecniche. Deulofeu è un po’ il factotum dell’attacco friulano: gioca principalmente come esterno sinistro d’attacco sia in un 4-3-3 che in un 4-2-3-1, ma può agire anche da trequartista nonché sulla fascia opposta. Calciatore estremamente rapido, fa del dribbling nello stretto e del tiro a giro da fuori area le sue armi migliori. Specialista, inoltre, nel servire assist ai compagni, cerca spesso l’uno contro uno per creare situazioni di superiorità numerica vantaggiose per la propria squadra. Risulta molto proficuo anche in fase realizzativa, nonostante debba e possa migliorare ancora nella partecipazione alla fase difensiva.


La prossima settimana sarà, molto probabilmente, quella decisiva per il suo approdo a Napoli: può Deulofeu considerarsi il profilo giusto per rinforzare la rosa a disposizione di Spalletti?


Gianmarco Apuzzo