Gattuso: “Città sta soffrendo tanto per Maradona. Mi è piaciuto spirito di squadra”

image_pdfimage_print

Intervistato da Sky Sport al termine di Napoli-Roma, il tecnico azzurro Rino Gattuso ha commentato la bella vittoria dei suoi azzurri: “Insigne dice che si riparte da questa vittoria? Il nostro punto di partenza è stata la prima di campionato. Dobbiamo giocare con questa intensità e con questa voglia, senza sottovalutare nulla. Non dico questo perché abbiamo vinto 4-0. Anche quando siamo nel pullman, non bisogna lasciare nulla al caso, dobbiamo stare col coltello tra i denti. Ci può stare di soffrire l’avversario, ma mi è piaciuto lo spirito di squadra. Niente vaffa, e tanto spirito di sacrificio. Si respira aria triste. La gente deve avere buon senso. Sanno tutti chi è Maradona nel mondo. Dobbiamo fare i bravi, altrimenti ne pagheremo le conseguenze tutti quanti. In troppi senza mascherina. Da domani mi auguro che ci sia un atteggiamento diverso. La città soffre tanto per la perdita di Maradona, per i negozi chiusi, ma bisogna fare le cose bene”.

“Il vertice basso dà un po’ di equilibrio in più. L’altro giorno mi sono preso io le colpe. Ho capito che non devo far passare nulla e do qualche segnale negativo ai giocatori. Ai miei tempi bisognava parlare poco. Oggi deve venire la nausea per quanto parlo e rompo le scatole. Zielinski è tra i giocatori più forti che abbiamo, ma ha avuto il covid e non si reggeva in piedi. Ha scatti incredibili, può diventare molto importante. So che non possiamo avere sempre la squadra al 100%. Dobbiamo annusare il pericolo, la mentalità non deve mai mancare. Alziamo l’asticella sulla nostra mentalità. Su 12 partite ne abbiamo vinte 9 e perse 3. Ci sono mancati Osimhen e Zielinski. La squadra  forte, gioca un buon calcio, a volte divertente. Juve-Napoli? Io ho 18 punti sul campo, dopo non e’ un problema nostro. Io ero in pullman alle 18:55 per partire. In quel momento avevamo molte chances di fare risultato a Torino. A noi non ci ha agevolato la situazione, abbiamo una partita in meno con un punto in meno. Se la giustizia fa il suo corso… La squadra da battere per me è l’Inter, poi c’è sempre la Juve”.

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close