Fabbricini a Radio CRC: “Mancini è una persona onesta”

image_pdfimage_print

Il dirigente sportivo, Roberto Fabbricini ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio CRC. Ecco cosa ha detto: “Le dichiarazioni di Mancini? Roberto è una persona fondamentalmente onesta. Quando lo scegliemmo come tecnico della Nazionale, fu soprattutto per la sua voglia e perché era in linea col nostro pensiero. Dobbiamo considerare che sta lavorando in una difficoltà palese nel senso che i giocatori italiani che fanno il campionato italiano sono sempre di meno. Mancini è un ottimo cuoco, ma quando va al mercato trova prodotti che non sono in linea con le sue idee di preparare i prodotti. La partita di questa sera ha un significato particolare, quindi i toni andavano tenuti più bassi magari. Non credo sia una mancanza di fiducia nei confronti dei giocatori che ha, ma cuore e testa devono essere concentrati sulla partita. Voglio interpretare le sue dichiarazioni come uno stimolo per i giocatori che ha.La Serie A? Se qualche squadra ha qualche infortunio, va a prendere giocatori all’estero, anche se ci sono tanti giovani italiani che andrebbero responsabilizzati. Giocano spesso e volentieri quando il risultato della partita è acquisito. Servirebbe qualche regolamentazione a livello federale per valorizzare il calcio italiano. Decreto crescita? È un problema enorme perché diventa più oneroso investire sugli italiani. Anche le società minori vanno a pescare in mercati stranieri. Non si può andare a contestare le convocazioni della Nazionale perché i giocatori sono quelli. Il fatto di non partecipare ai Mondiali per la seconda volta consecutiva è una grande mortificazione per il nostro calcio. L’Udinese è la più grande sorpresa dell’anno. Questo campionato vivrà delle fasi, ma il vero campionato lo vedremo dopo i Mondiali. Tanto di cappello alle squadre come Napoli, Atalanta e Milan. Ho visto Milan-Napoli, gli azzurri giocano un calcio veramente bello”.