Europei di nuoto, altre quattro medaglie a Glasgow per l’Italia

Si arricchisce il medagliere della squadra azzurra impegnata agli Europei di Glasgow. Sono quattro al momento (7 dall’inizio della competizione), con il bronzo conquistato nella staffetta 4×100 mista mista, che è valsa anche il nuovo record italiano; poi Luca Pizzini nei 200 rana e Linda Cerruti nel programma tecnico individuale del sincronizzato. Podio anche per il tecnico a squadre. Qui tutti i risultati.

4×100 mista mista con record

Nella staffetta 4×100 mista mista è arriva la quarta medaglia azzurra di oggi. Margherita PanzieraFabio ScozzoliElena Di Liddo e Alessandro Miressi hanno nuotano in 3’44”85 e stabilito il nuovo record italiano. Oro alla Gran Bretagna, argento alla Russia.

200 rana uomini

Ancora una medaglia per l’Italia, la terza della giornata: si tratta del bronzo conquistato da Luca Pizzininei 200 rana con il tempo di 2:08.54. L’oro è andato al russo Anton Chupkov (2:06.80), argento per il britannico James Wilby (2’08”39).

Sincro, solo tecnico

Linda Cerruti ha conquistato la medaglia di bronzo nel nuoto sincronizzato con un punteggio di 90,2282: 27.5000 nell’esecuzione, 27.2000 nell’impressione e 35.4778 negli elementi le valutazioni dell’italiana, al termine di una gara che ha assegnato l’oro alla Russia e l’argento all’Ucraina. La Russia, infatti, ha trionfato con Svetlana Kolesnichenko che ha totalizzato lo score di 93.4816 (28.3000 nell’esecuzione, 28.1000 nell’impressione e 37.0816 negli elementi). Secondo posto per l’ucraina Yelyzaveta Yakhno, argento con lo score di 91.3517 (27.6000 nell’esecuzione, 27.5000 nell’impressione e 36.2517 negli elementi).

Sincro, tecnico a squadre

Il secondo bronzo della giornata arriva dal programma tecnico a squadre. Dopo Linda Cerruti, le azzurre (Beatrice Callegari, Linda Cerruti, Francesca Deidda, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Alessia Pezone ed Enrica Piccoli) si ripetono, chiudendo in terza posizione con 90.3553. Stesso podio rispetto alla gara precedente: oro alla Russia e argento all’Ucraina, che ha preceduto di poco l’Italia, ancora una volta superiore alla Spagna.

Fonte: sport.sky.it