1

Di Lorenzo: ”Obiettivo? bisogna migliorare rispetto allo scorso anno. Noi daremo sempre il massimo”

Giovanni Di Lorenzo, terzino del Napoli, ha lasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di radio Kiss Kiss Napoli:

Sulla fascia di capitano: ”È una grande responsabilità sono pronta a coglierla. Per me è un orgoglio, è stata indossata da grandi calciatori. Ora devo dimostrare di meritarla, mai avrei pensato di indossarla”.

Sulla Nazionale: ”Cambia velocemente il calcio. Siamo passati dall’essere campioni d’Europa al non qualificarsi al Mondiale. Dobbiamo essere uniti come fatto 4 anni fa per ripartire”.

Come fai a non saltare una partita?: ”Sono importanti l’alimentazione e il duro lavoro. Si devono curare tutti i dettagli per andare al massimo”.

“Zanoli è giovane e bravo. Deve fare il suo percorso e continuare cosi”.

Bilancio sul ritiro: ”Nonostante i tanti addi, sono arrivati calciatori molto bravi. Hanno portato aria fresca. Bilancio positivo, tra poco dovremmo fare sul serio perché inizia il campionato. Le motivazioni le trovo dentro di me, spingo ogni giorno al massimo. Dietro di me ho Zanoli, la competizione aiuta tanto”.

Obiettivi: ”Bisogna migliorare sempre. Uno parte per migliorare il risultato della scorsa stagione. Ci sono tante squadre forti, tra quelle ci siamo noi”.

Sulle griglie estive che non mettono il Napoli tra le prime della classifica: ”Non dobbiamo leggere cose esterne anche se ci aiuta a migliorare. Siamo forti e possiamo divertirci. Il Milan non era dato per favorito lo scorso anno e poi ha vinto”.

Messaggio ai tifosi? “Quando partono calciatori importanti, c’è sempre dispiacere. Sono arrivati nuovi calciatori che vogliono fare bene. C’è un gruppo che vuole fare il massimo, lavorare e sudare la maglia. Noi daremo il massimo”.

Su Kvaratskhelia: ”Non lo conoscevo, ma appena ho visto dei suoi video ho capito che era forte. In allenamento ho capito il motivo del perché il Napoli ha puntato su di lui. È molto bravo, ci tiene molto impegnato in allenamento”.

Frase napoletana per dare la carica ai tifosi? “Nun c’accire nisciun mi piace”

Tua figlia si chiama Azzurra, è un caso? Già ci piaceva il nome, poi anche per il Napoli e la Nazionale abbiamo deciso così”.

E’ vero che sono partiti giocatori importanti, ma tutti dobbiamo prenderci le responsabilità e crescere come gruppo. Victor può prendersele pur essendo giovane. Poi ci sono Anguissa e Mario Rui che hanno grande esperienza. Tutti insieme dobbiamo aiutare i più giovani”