RE CARLO

Il Napoli vince contro il Liverpool 1 a 0 grazie al gol di Lorenzo Insigne all’ottantanovesimo minuto di gioco ed è primo nel girone. Partita perfetta del Napoli grazie ai correttivi tattici messi in campo dal tecnico azzurro Carlo Ancelotti. Partita organizzata nei minimi dettagli da quello che da stasera chiameremo Re Carlo che ha conquistato con una partita magistrale il popolo del San Paolo le scelte del tecnico sono state tutte giuste un 3-5-2 in fase offensiva ed un 4-4-2 in fase difensiva hanno imbrigliato l’attacco stratosferico del Liverpool.

Giocatori come Maksimovic e Ospina sono completamente altri giocatori, rispetto alle loro passate stagioni lo stesso Allan si dimostra essere il miglior centrocampista d’Europa Per non parlare di kalidou koulibaly tra i migliori difensori di questa Champions League insieme a Sergio Ramos Ma la conferma di un giocatore su tutti e quella di Lorenzo Insigne sempre più bomber del Napoli e giocatore di classe cristallina che Ancelotti ha saputo valorizzare al meglio Attenzione anche ai vari Verdi Fabian Ruiz e Malcuit che sono in trampolino di lancio sulla pista di Re Carlo Ancelotti.

Da questa sera muore il sarrismo e nasce L’impero di Re Carlo Ancelotti A Napoli c’è un nuovo re che porterà la squadra Azzurra ai vertici del calcio europeo e mondiale.

A cura di Cosimo Silva




#MundoMercato, tutti i nomi accostati al Napoli ed una sola certezza…

Sta per entrare nel vivo il mercato del Napoli, molto dipenderà dalle cessione che saranno fatte. Mr. Carlo Ancelotti nuovo allenatore azzurro, ha le idee ben chiare sul Napoli che verrà… il modulo con ogni probabilità sarà il 4.2.3.1 gli interpreti tutti da decidere. Azzurri che a bocce ferme hanno già quattro volti nuovi in rosa, e sono:  Roberto Inglese (Attaccante ex Chievo Verona) – Amato Ciciretti ( Ala destra ex-Parma)  – Simone Verdi (Attaccante ex Bologna)  Amin Younes (Ala sinistra ex Ajax). Alcuni di questi saranno girati in prestito ad altre squadre, vedi Inglese e Ciciretti, sicuramente rimarrà Verdi, come prima alternativa a Callejon e Milik. Discorso diverso per Younes, che se dovesse convincersi a restare durante il ritiro di Dimaro, Ancelotti avrà a sua disposizione come vice di Insigne un vero pezzo da novanta.

In attacco, il Napoli proverà a fare il grande colpo, Ancelotti chiede il top player, uno tra Karim Benzema e Mario Balotelli potrebbe vestire presto l’azzurro, a quel punto Roberto Inglese potrebbe andare in prestito altrove. Stesso discorso per Ciciretti se dovessero rimanere sia Mertens che Callejon. A centrocampo rivoluzione annunciata, via Jorginho ed Hamsik, confermati Zielinski ed Allan. Probabilmente andranno via in prestito anche Marko Rog e Diawara. Fatte le cessione e prestiti, il Ds Giuntoli in accordo con il mister potrebbe operare così: Via Jorginho, dentro Fabian Ruiz Pena del Betis. Se parte Hamsik, il Napoli potrebbe sostituirlo con uno tra Arturo Vidal o Pastore del PSG.  A sostituire i due giovani partenti Rog e Diawarà i partenopei potrebbero chiudere con Milan Badelj della Fiorentina e Stanislav Lobotka del Celta Vigo.

In difesa, tutti confermati, anche Maksimovic che sarà in ritiro e si giocherà una maglia per la prossima stagione in azzurro con Lorenzo Tonelli, confermati Chiriches, Mario Rui, Koulibaly, Hysaj.  In dubbio la permanenza di Albiol, forte l’interesse del Chelsea e del Valencia sul calciatore, anche per Hysaj c’è un forte interesse della squadra londinese il cui prossimo allenatore sarà Maurizio Sarri. Il Napoli è pronto a cautelarsi con David Luiz se dovesse partire Albiol e con Vrsaljko se dovesse partire anche Hysaj. Sicuramente gli azzurri rimpiazzeranno Maggio con un terzino destro giovane e di grandi prospettiva, piace Lainer terzino destro austriaco ormai destinato ad essere il secondo colpo dopo Simone Verdi.

In porta c’è confusione,  probabilmente il Napoli prenderà un solo portiere, via Rafael e Reina, a loro posto Sepe come secondo, fresco di rinnovo ed il giovane Contini come terzo portiere. Sfumato Leno come primo portiere passato all’Arsenal, quasi sfumato Rui Patricio dello Sporting Lisbona al tecnico Carlo Ancelotti piacciono Alphonse Areola del PSG ed Allison della Roma, anche se quest’ultimo sembra vicinissimo al Real Madrid, l’arrivo del portiere giallorosso in Spagna libererebbe Keylor Navas anche lui nel mirino di Napoli e Roma. In ultima scelta piace Sirigu del Torino.

Insomma, tanti nomi sul taccuino di Giuntoli e tanti i nomi suggeriti da Carlo Ancelotti, parecchi anche gli addii… non si escludono sorprese, l’unica certezza è che vedremo un Napoli diverso, un Napoli nuovo ed un nuovo progetto di calcio che entusiasmerà la platea partenopea.

Rubrica a cura di: Cosimo Silva




LE QUATTRO GIORNATE DI SARRI…

Maurizio Sarri si prepara a rivivere le quattro giornate di Napoli… paragone storico, che vorremmo riportare in ambito sportivo. Il tecnico di Bagnoli siederà ancora per quattro giornate sulla panchina dei partenopei poi per il futuro ci sarà tempo per decidere. Quattro gare che decideranno chi il prossimo anno tra Napoli e Juventus avrà il tricolore cucito sul petto, quattro gare, tra Fiorentina, Torino, Sampdoria e Crotone, quattro match che valgono una stagione.

Sarri a guida di una rivoluzione, contro i poteri forti del calcio, contro il sistema, contro lo strapotere juventino, a guida di un popolo e di una squadra che in campo non esprime solo il migliore calcio giocato d’Europa ma il cuore e gli attributi espressi sul manto erboso che sia di casa o in trasferta rispecchiano il carattere del tecnico.

Il Napoli dovrà necessariamente combattere alla morte in queste quattro gare e vincerle tutte per non vanificare l’impresa epica di Torino, il Napoli oggi è padrone del proprio destino e lo sarebbe ancora di più se non fosse per quel punticino che vede i bianconeri ancora primi in classifica. Alla fine di queste quattro giornate, ci diremo se il Napoli è campione d’Italia e se Sarri sarà ancora il tecnico del Napoli, nel contempo non possiamo far altro che applaudire a questa splendida rivoluzione di un popolo e di un allenatore e della propria squadra che ha mostrato il vero calcio al mondo del pallone. comunque vada, mister, sarà un successo, grazie per averci mostrato il Napoli più bello di tutti i tempi!

A cura di Cosimo Silva




Bentornata Capolista!

Il Napoli vince a Torino contro i granata per 3-1. Un risultato che va a conciliarsi con la sconfitta dell’Inter contro l’Udinese, i partenopei con una prestazione magistrale si riprendono il primo posto in classifica, e puntano al titolo di campione d’inverno, tra loro e il titolo ancora Samp e Crotone. Come dice il Presidente De Laurentiis è importante arrivare primi alla fine del campionato e non a Dicembre, però diciamo che guidare l’intero girone d’andata al primo posto, aiuta psicologicamente a trovare quelle energie psicologiche che servono a raggiungere i grandi traguardi.

Tante le note positive di questo match, non solo il primo posto ma anche i 115 goal di Marek Hamsik che raggiunge Maradona e si sblocca, goal pesante e prestazione esemplare. Maurizio Sarri, ritrova Lorenzo Insigne ed è subito magia in campo, anche se Zielinski si conferma sempre più goleador di questa squadra. In ultimo Kalidou Koulibaly, perno fondamentale della difesa partenopea, ma anche decisivo in fase realizzativa.

Aspettando i ritorni di Milik e Ghoulam, gli azzurri hanno l’obbligo di rinforzarsi nella prossima finestra di mercato invernale, perchè questa squadra è proprio forte, con una panchina lunga e di livello dei titolari, nessun obiettivo sarà precluso al gioiellino di Maurizio Sarri.

Martedì la Coppa Italia e Sabato la Sampdoria, per augurarci ancora un Natale con Napoli Capolista!

A cura di Cosimo Silva 




#MundoMercato: “Napoli da Oscar, il mercato prospettico degli azzurri va premiato!”

Chiude ufficialmente il mercato estivo 2017, si è concluso senza botti e senza il famoso mister x, all’Hotel Melia di Milano è calato il sipario sulla sessione di compravendita. Il Napoli è stato protagonista nelle ultime ore con l’acquisto di Roberto Inglese dal Chievo Verona, che resterà un anno a Verona per poi approdare in azzurro e con le cessioni di Strinic e Zapata alla Sampdoria. In azzurro sono arrivati anche i giovanissimi Mezzoni e Sgarbi. Tonelli e Giaccherini invece sono rimasti al Napoli, Sarri li aggregherà al gruppo ed avrà un valido difensore in più.

Mercato da 7 per il Napoli – “Grandissima strategia del club azzurro, confermati tutti i Big della rosa, rinnovato il contratto ai vari Insigne,Ghoulam,Sepe, Mertens e altri, confermato Reina, il mercato sembrava ormai fatto. Poi l’arrivo del giovane talento dal Ligue 1, il giovane Ounas e poi Mario Rui dalla Roma, entrambi voluti fortemente da Sarri.

Il capolavoro sono state le cessioni ad opera di Cristiano Giuntoli, il Ds silenzioso che in due anni senza troppi giri di parole ha rivoluzionato il Napoli.  Via Pavoletti, Zapata, Strinic, Zuniga, De Guzman,. Incassati più di trenta milioni e bilancio fortemente in attivo anche grazie agli introiti della Champions.

E’ stato un mercato da Oscar sotto il profilo finanziario, anche se le lacune della scorsa stagione restano, manca ancora un Vice-Hysaj, un portiere e un vice-Calllejon, fino a gennaio va bene così, dopo si vedrà, il Napoli è forte e lotterà per i primi posti, c’è tempo per perfezionare la rosa, grazie a questa campagna acquisti il Napoli avrà tempo e soldi per rinforzare la squadra.

A cura di Cosimo Silva 

 




#MundoMercato: “Reina ai saluti, chi al suo posto? il Napoli prepara il colpo in attacco, tutto su Keità Balde…”

Ultimi giorni di mercato per il Napoli, tante uscite dalle porte di Castel Volturno anche di chi non ti aspetti… Pepe Reina su tutti, i saluti dopo la gara vinta contro l’Atalanta al San Paolo sanno di addio certo, le lacrime e la commozione per un popolo che ama “Pepp” come amano chiamarlo i tifosi di fede azzurra. Oltre a Reina ormai indirizzato ad accettare l’offerta del PSG, salvo clamorosi risvolti, il Napoli dovrebbe cedere nelle prossime ore; Strinic al Sassuolo e Tonelli più Zapata alla Sampdoria, in ultimo via Pavoletti direzione Cagliari. Confermato invece Giaccherini che resterà almeno fino al prossimo mercato di  gennaio in azzurro.

In entrata il Napoli farà due operazioni, al massimo tre se dovesse partire Pepe Reina. Assodato che il Napoli sta combattendo su due fronti con Inter e Roma per aggiudicarsi uno tra Schick della Sampdoria, il giocatore preferirebbe la Roma, sicuro di giocare di più che al Napoli. Mentre l’altro nome è quello di Keità Balde giocatore a cui Tare ha dato l’ok per il passaggio al Napoli, chiudendo le porte a Inter e Juventus, resta da convincere solo il calciatore non sicuro di trovare tanti minuti di gioco con quei tre li davanti. Trenta sono i milioni offerti da De Laurentiis a Lotito più due milioni a stagione al giocatore e bonus, offerta allettante che ha trovato già l’ok della società laziale ma il giocatore non sembra ancora convinto.

Altro tassello che piace a Giuntoli è Denis Suarez del Barcellona, piace molto anche a Sarri, giocatore duttile che potrebbe dare maggiore qualità al centrocampo e velocità. Al Barcellona è chiuso e rischierebbe di fare ancora panchina, si profila un prestito con diritto di riscatto, per un giocatore giovane e importante che potrebbe divenire il vero vice-Hamsik in questo Napoli.

Capitolo portieri, tre nomi per il dopo Reina, piace Rui Patricio, portiere della nazionale portoghese, forte con i piedi e bravissimo tra i pali tra i più reattivi al mondo, unico problema mancano pochi giorni alla chiusura del mercato e sarebbe difficile imbastire una trattativa in così poco tempo. Il secondo nome è quello di Karnezis portiere dell’Udinese che sta aspettando da tempo il Napoli, giocatore che conosce il nostro campionato e di buna affidabilità, ma non sarebbe un salto di qualità ma un passo indietro rispetto a quanto dato da Reina in questi anni in azzurro. Ultimo nome che entusiasma tutti è quello del giovane Rulli, forte fisicamente, veloce tra i pali, reattivo e bravo con i piedi, piace moltissimo a Maurizio Sarri e potrebbe essere il futuro Crack di mercato del Napoli, vista la sua età, prezzo del cartellino ben 25mln, un investimento rischioso per un ragazzino di scuola argentina.

La cessione di Reina al PSG, porterà nelle casse del Napoli 10ml più un giocatore, probabile un portiere se anche Rafael dovesse essere ceduto nelle ultime battute di mercato, visto che non rimarrebbe di buon grado nel ruolo di terzo portiere. Invece noi vogliamo lanciare una giusta provocazione, nonostante l’impegno profuso da Christian Maggio in questi anni, il tallone di Achille di questo Napoli è ancora la fascia destra, senza Hysaj il gioco degli azzurri ne risente, allora perchè non confermare Rafael e chiedere al PSG nell’affare Reina il cartellino del terzino francese Aurier? Un operazione che accontenterebbe tutti e aggiusterebbe l’assetto di entrambe le squadre, sia il PSG che il Napoli.

Rubrica a cura del Direttore, Cosimo Silva




#MundoMercato: “Napoli con Patrik diventi Schick! pioggia di milioni per gli azzurri dalla Champions…”

Ora si, adesso è lecito sognare… Con il passaggio del turno preliminare di Champions, il Napoli con la pioggia di milioni proveniente dalla qualificazione ai gironi e i soldi delle cessioni dei vari Zapata, Pavoletti, Giaccherini, Tonelli, Rafel e Strinic potrà investire un tesoretto importante sul mercato.

Juve, Inter, Psg, Monaco. E ora anche Roma e Napoli. Il mercato attorno a Patrik Schick sta calamitando l’interesse mediatico delle principali piazze italiane, e mentre la Sampdoria continua la sua ricerca per un sostituto del giocatore, l’elenco di pretendenti per il numero 14 blucerchiato si allunga sempre di più. A Radio Kiss Kiss ha intervistato Bruno Satin, l’intermediario che ha curato il suo passaggio in Italia e che domenica sera ha accompagnato il procuratore di Schick Paska al Ferraris per la partita con il Benevento: “Napoli su Schick? Non posso dire niente su quest’argomento” ha commentato Paska “qualcosa so ma non posso parlare. Penso che entro un paio di giorni ci sarà la decisione definitiva”. 

Il Napoli ha le carte giuste per convincere Ferrero, si chiamano Zapata e Tonelli più soldi, un acquisto in prospettiva per Sarri che potrebbe trovare nuove soluzioni tattiche al suo modulo di gioco.

Individuato anche il vice Callejon, il Napoli sta per fare una mega offerta ai Della Valle per Federico Chiesa, sul piatto soldi, tanti soldi più Giaccherini e Strinic, la Champions aiuterà gli azzurri a far dire di SI al giovane Chiesa.

Il Napoli potrebbe pensare a sostituire Rafael con uno tra Leno e Karnezis, quest’ultimo sogna ancora gli azzurri e la famiglia Pozzo visto i buoni rapporti con De Laurentiis potrebbero accontentare il calciatore.  Invece Pavoletti dovrebbe sostituire Marco Borriello al Cagliari, con i soldi di questa cessione i partenopei potrebbero chiedere il prestito di Dani Suarez al Barcellona, centrocampista duttile, veloce e dalla classe cristallina, ottimo per il Tiki Taka di Maurizio Sarri.

Il reparto che però andrebbe rinforzato è la difesa, un terzino destro o un centrale che darebbe maggiori sicurezze rispetto a Chiriches e Maksimovic, staremo a vedere il coniglio dal cilindro che tirerà fuori il Ds Giuntoli.

Rubrica a Cura di Cosimo Silva 




#MundoMercato: “Il Napoli ad un passo da Zinchenko, poi il grande colpo…”

Il Napoli è vicino al giocatore del Manchester City è stata decisa la formula dell’acquisto il calciatore arriverà in prestito oneroso fino a fine stagione se il giovane calciatore anno 96 si confermerà con la maglia azzurra il Napoli potrebbe decidere di riscattare un grande talento alla corte di Sarri per puntare al tricolore.
Napoli poi si dedicherà alle cessioni con i soldi presi dalla cessione di Zapata Tonelli Strinic e probabilmente con l’arrivo di Zinchenko partirà anche Giaccherini, si cerca una collocazione anche per Pavoletti in prestito probabilmente andrà al Benevento in maniera tale che il calciatore possa essere monitorato dallo staff azzurro per il futuro. Una volta fatte le cessioni è superato il preliminare di Champions il Napoli proverà a fare il grande colpo per puntare seriamente a grandi traguardi in questa stagione.



#MundoMercato: “Si spostano i campioni, chi potrebbe fare al caso del Napoli?”

Entra nel vivo la sessione del calciomercato 2017/2018 con l’estate l’aria nei corridoi del mercato diventa rovente iniziano a spostarsi i campioni dalle big d’Europa tante le trattative in ballo molti in uscita in dall’Italia ed altri in entrata.

Il Napoli però dovrà prima fare i conti con le cessioni ci sono da sistemare Giaccherini Pavoletti, Zapata, Strinic ed uno tra Rafael e Sepe. Una volta fatte queste cessioni il Napoli proverà a piazzare almeno due colpi, nuovo obiettivo per il centrocampo e Kovacic in uscita dal Real Madrid sul calciatore c’è la forte concorrenza dell’Inter, i neroazzurri però dopo l’acquisto di versino dalla Fiorentina e Borja Valero sembra aver raffreddato il proprio interesse per il calciatore croato e al tecnico Maurizio Sarri non dispiacerebbe un rinforzo in più a centrocampo.

La chiave per arrivare a Federico Chiesa figlio prodigio di Enrico Chiesa è proprio Duvan Zapata che in questo errore è conteso tra Torino e Fiorentina e il Napoli potrebbe optare di cedere Duvan alla Fiorentina e rinforzarsi sull’auto di sinistro  comprando il giovane Federico Chiesa che infiammarebbe realmente la platea partenopea e sarebbe un degno sostituto di Lorenzo Insigne.

Tra i pali potrebbe risolversi tutto nei prossimi giorni il rinnovo di Reina e la cessione in prestito di Sepe all’Udinese con il cartellino di Pavoletti per arrivare al portiere greco Karnezis che piace molto al Napoli il calciatore sarebbe disposto a fare il vice di Reina almeno per un anno e poi prendersi la maglia da titolare degli azzurri.

Il sogno della platea partenopea e del presidente De Laurentiis rimane sempre lo stesso, il colpo a sorpresa il mister X che tutti aspettano per fare il definitivo salto di qualità in chiave scudetto parliamo dello svedese Zlatan Ibrahimovic ancora oggi senza squadra e senza una destinazione, il Napoli ci pensa Ibrahimovic pure vediamo se questo matrimonio s’ha da fare.

Rubrica a Cura del direttore 

Cosimo Silva




#MundoMercato: “Chi sarà il mister X?”

Qualche giorno fa Aurelio De Laurentiis parlando in conferenza stampa da ha praticamente annunciato che ci sarà un colpo a sorpresa nel Napoli in caso di qualificazione in Champions League parliamo del misterix annunciato dalla società. 

I tifosi ormai sono sono sbizzarriti nel cercare chi sarà il prossimo acquisto del Napoli e in che ruolo. Proviamo a fare il punto della situazione gli azzurri in attacco sono al completo con i vari Mertens, Milik, Callejon, l’arrivo di Ounas, Insigne e dovrebbe arrivare Berenguer il colpo che tutti sognano è quello di Zlatan Ibrahimovic calciatore al momento senza squadra e che non ha mai negato la piazza partenopea anzi ha un buon rapporto con il presidente De Laurentiis è la stessa dirigenza sarebbe per il Napoli quel pezzo da 90 per sognare lo scudetto.

Altro reparto che potrebbe essere rinforzato e il centrocampo il Napoli cerca un elemento a centrocampo una volta piazzata e completata la difesa sugli esterni risolto il problema è Pepe Reina per la porta trovando potenzialmente un suo secondo o un giovane III che verrebbe dopo Reina e Sepe puntare gli occhi sul mercato per trovare un grande centrocampista o un centrocampista l’esperienza è risaputo che gli azzurri sono degli ottimi estimatori di Claudio Marchisio calciatore della Juventus che potrebbe trovare poco spazio dopo gli arrivi di Betancourt e quelli di Douglas Costa e di Bernardeschi con l’acquisto di Matuidi il calciatore juventino potrebbe andare a cercare nuovi lidi dove poter esprimere le sue potenzialità Napoli è una piazza interessata al calciatore il giocatore piace ad avere De Laurentis e potrebbe essere quel Mister X che darebbe al centrocampo azzurro quel carattere vincente che serve a vincere i campionati. 

Insomma il mercato è ancora lungo ci sono tanti nomi in ballo ed è il presidente Aurelio De Laurentiis ha stuzzicato la fantasia dei tifosi e dei giornalisti tutti che da tempo vanno a caccia del Mister X che sarà acquistato dopo la qualificazione ai gironi di Champions.

A cura di Cosimo Silva