Copertina

Carlo Ancelotti: “Rispettiamo molto la Fiorentina”

image_pdfimage_print

Carlo Ancelotti ha presentato in conferenza stampa Napoli-Fiorentina di domani pomeriggio. Ecco le sue dichiarazioni: “Il mio umore è buono, finalmente dopo il rientro dalle Nazionali ho potuto allenare tutti insieme. Sono tornati tutti abbastanza bene, ieri qualcuno era più stanco e più tardi decideremo chi sarà disponibile per domani. Purtroppo dovremo sopperire all’assenza di Chiriches e troveremo  correttivi. In questa sosta abbiamo avuto tempo di analizzare bene la partita contro la Samdporia, ma l’approccio iniziale è stata buona. Dopo il primo gol abbiamo avuto il controllo del gioco, ma nel primo tempo abbiamo sbagliato e dovremo crescere. Nei primi due match abbiamo peccato nell’intensità. E’ vero che abbiamo subito parecchie reti, ma siamo una squadra che ne ha subito di meno. Tutto ciò è dipeso dalle disattenzioni di carattere individuale e non è vero che la fase difensiva è stata deficitaria. Milik Mertens partiranno sullo stesso piano, hanno giocato 90 minuti entrambi e valuteremo nell’allenamento più tardi. E’ chiaro che partirà un ciclo di tante partite a partire dalla Stella Rossa. L’ancelottismo non l’ho mai sentito. Il guardiolismo e  il sarrismo nascono perché hanno una identità di gioco. Probabilmente la filosofia mia e di altri non è delineata. Mi piace il gioco corto, alto, attacco e difesa. Esistono due tipi di difesa. pressing alto, oppure difendere basso. Il mio calcio è meno identificabile rispetto ad altri allenatori. La Fiorentina in queste due partite ha fatto bene  ha dei calciatori pericolosi. Dovremo mantenere alta la concentrazione come sempre. Rispettiamo molto la Fiorentina per l’organizzazione che ha ed è un match ideale per far crescere la nostra autostima abbassata dopo il match contro la Sampdoria.

L’aspetto mentale in alcune situazioni in queste partite potevamo essere più solidi e stabili  a livello di concentrazione, ma sono normali in periodo  di crescita. Mi piace i giocatori come sia allenano e piano piano torneremo ad avere stabilità. E’ vero che abbiamo perso una partita brutta ma non è la fine del mondo. Siamo ad inizio campionato e c’è stato il tempo per analizzare il tutto. Il Napoli in queste due partite ho letto i dati ed è risultato che hanno corso di meno come distanze. A livello di distanza il Napoli in sprint ha corso di più.  In meno la distanza totale è stata inferiore di 1400 metri , ma se facciamo il calcolo, abbiamo corso meno degli avversari di 50 metri a giocatore e sono statistiche che vanno prese con le pinze.Non voglio esprimere ciò che penso, se no il mio presidente direbbe gli ho dato tanti soldi. Sono felice di essere qua per tanti motivi. Ambiente, squadra, passione. Se ce ne saranno 20.000 domani proveremo a fargli vedere un bello spettacolo, così parleranno agli altri per farli ritornate. ieri anche e qualcuno era stanco, abbiamo preparato bene la partita, provando alcune cose mi hanno soddisfatto e proveremo a metterle domani in pratica Io faccio l’ allenatore e non lo psicologo. Ieri ci siamo parlati e tutti quanti anno capito ciò che hanno sbagliato.

Il calcio ha bisogno di risolvere altri problemi, si è già perso troppo tempo a discutere sulla fascia di Astori. Non ho idee in contrapposizione rispetto agli altri allenatori. Questa squadra  deve conservare i. bene della compattezza difensiva. Io preferisco il gioco più verticale e ci stiamo lavorando. Dal punto di vista fisico sono contento  che Insigne non abbia giocato la seconda partita. E’ tornato bene, fresco e motivato. Domani sicuramente riposa fino alle ore 18.00, poi dopo vedrò. Le critiche sono all’ordine del giorno quando perdi una partita e sono legate alle scelte di formazione. Io non sono qui per valorizzazione della rosa, ma per raggiungere gli obiettivi quanto più prestigiosi e possibile. la valorizzazione della rosa ci può aiutare a far raggiungere i risultati giusti. per esempio Ounas ha fatto bene a Genova. Ho letto un articolo del mio amico Corbo che non dobbiamo arretrare e non lo faremo. Io con voi mi arrabbio e l’ho fatto pure con i calciatori.

Ogni volta che gli avversari ci tirano prendiamo gol, siamo tra le squadre che subisce di meno. Per esempio a Genova siamo stati condannati dall’ errore singolo in coppia di Zielnski Hysaj e dovremo fare attenzione ai minimi dettagli. magari qualche tiro andrà a finire pure all’incrocio dei pali. In questi due mesi abbiamo lavorato in maniera eccezionale, potevamo evitare la sconfitta di Genova e totalizzare sette punti. Comunque il calendario era complicato, ci siamo incontrati con squadre di livello come Lazio Milan. La mia priorità è alla partita di domani contro la Fiorentina, poi penseremo alla Stella Rossa e valuterò la miglior formazione possibile per vincere il match.

Verdi può giocare a destra, a sinistra e in un sistema diverso può giocare come mezza punta dietro l’attaccante. Tranne la punta centrale, è molto duttile. Predilige giocare a destra perché può accentrarsi. Non ha giocato bene alla prima partita fatta, ma è nella norma ed è un calciatore importante per noi. De Laurentiis mi ha dato un bell’attestato di stima che mi ha motivato. Può darsi che domani farò qualche rotazione. Di Napoli la cosa che mi piace di più sono i paesaggi unici al mondo.

E’ fuori discussione che Mancini avrà tanto da lavorare con la Nazionale perché il calcio italiano non esprime a livello individuale ottimi valori. Serve tempo e  pazienza. Molti giocatori impiegati, non hanno esperienza internazionale”.

Poi ha risposto a tre domane provenienti dai Social Network: ” Dopo la sconfitta di Genoa, i giocatori che ho avuto qua hanno reagito bene. Il lavoro di un tecnico ambia poco rispetto alle squadre dove ha allenato. Il maggior cambiamento si vede nell’ambiente. Qui si nota una differenza importante nel come si segue la squadra. Di Napoli la cosa che mi piace di più sono i paesaggi unici al mondo”.

Fonte foto:SSCNapoli.it

comments