NotiziePrima pagina

Avv. Napoli Grassani: “La sentenza della Corte d’Appello dovrebbe dare ragione al club azzurro”

SSCNapoli.it
image_pdfimage_print

L’avvocato del Napoli Mattia Grassani ha parlato alla Radio Ufficiale del club azzurro Kiss Kiss Napoli per commentare il dibattimento avvenuto da remoto con la Corte d’Apello Federale. Ecco il testo: “Un dibattimento di durata monstre, extra large, a mia memoria sull’omologazione del risultati di una partita, mai si era dedicato tanto tempo. Il dibattimento è stato soddisfacente, abbiamo messo in campo anima e cuore per spiegare che i match si devono giocare sul campo. Nessun altro precedente si è concluso con lo 0-3 a tavolino ed il punto di penalizzazione, questo concetto ribadito in più modi con le centralità delle ASL con tante altre società di situazioni analoghe, questo è stato il tema dominante. E’ stato un dibattimento molto impegnativo, i temi erano tanti e soprattutto quello che uscirà dalla sentenza è pure la credibilità del sistema sportivo, con l’incremento esponenziale di positività, pensare di sanzionare il mancato viaggio a Torino impedito da ASL Napoli 1 e 2 ribadito il giorno della gara, rappresenterebbe un’offesa per tutti gli sportivi ed un attentato alla credibilità dello Sport. Diversamente si comprometterebbe la validità dell’intero campionato. Siamo fiduciosi del fatto che la corte abbia compreso, altrimenti il Napoli sarebbe l’unica società a subire un’iniqua decisione. 

Decisione? Contrariamente alla prassi, che è quella di pubblicare la sera stessa il dispositivo, hanno preferito una decisione che sia completa delle motivazioni, in questo modo la decisione sarà comprensibile da tutti i soggetti del mondo sportivo. Almeno qualche giorno sarà necessario per conoscere l’esito di questo appello. 

Intervento di De Laurentiis? Ha aperto le schermaglie in quanto era il proprietario del club, poi il sottoscritto è intervenuto per la difesa tecnica. L’intervento del presidente ha toccato valori e temi come quello della giustizia sportiva, il valore delle contendenti che deve determinare un risultato e non un provvedimento iniquo. Il Napoli, in questa vicenda, altro non è che la vittima del reato e non l’autrice, ha fatto quanto ogni cittadino dovrebbe fare. Il calcio non può vivere al di sopra della società. Il presidente De Laurentiis è andato diritto al cuore dei giudici, si stava discutendo di problemi importanti come il diritto alla salute pubblica, non ci sono può confrontare con superficialità o sotto ordinati ad un sistema calcistico che deve adeguarsi. 

Altri interventi delle ASL? Pure questo ha pesato. Ogni giorno passato dal 4 di ottobre, il caso Juve-Napoli che abbiamo definito pilota, è finito su un binario morto. Questo caso ha espresso casistiche come quella dell’Under 21 in Islanda, o le ASL che hanno bloccato atleti, sono situazioni nelle quali è emersa la centralità dell’unica entità che deve occuparsi della salute pubblica, che non è la FIGC, il protocollo, anche l’esempio di ieri ha dimostrato che non ci si può che attenere a quello che le ASL dicono e solo nel caso di Juve-Napoli questo non è successo, con un’inaccettabile sanzioni. L’appello, secondo noi, ha buona ragione di concludersi positivamente per il Napoli, anche per ristabilire la regolarità”.

Claudio Gervasio
Claudio Gervasio nato a Napoli. Ha conseguito il diploma di Liceo Lingustico, la laurea in scienze della Comunicazione all'Unisob con master di Scienze Investigative Criminologiche e politiche della Sicurezza. Appassionato di giornalismo, è un collaboratore spontaneo di MundoNapoliSport24

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close