Notizie

Ass. Sport Comune di Napoli Borriello: “I sediolini del San Paolo, dovranno essere di colore azzurro”

image_pdfimage_print

Non si è fatta attendere la replica in questi giorni dell’Assessore allo Sport del Comune di Napoli Ciro Borriello che su Facebook e alle Tv ha ammesso le parole non idonee di De Laurentiis verso il quartiere di Barra e ha risposto alle dichiarazioni di ieri di De Luca ammettendo pure di essere molto stanco. Ecco il testo: “

Su quanto accaduto ieri nell’incontro con il presidente Aurelio De Laurentiis, omettendo volutamente di riportare i termini irriverenti e irrispettosi usati da quest’ultimo nei miei riguardi, ma sottolineandone il “peso” ed il senso di sconcerto, ritengo utile soffermarmi su alcuni aspetti.
Al di là della disputa sui colori che dovranno avere i sediolini dello stadio San Paolo (sicuramente una questione non primaria né essenziale), che ribadisco dover essere azzurri come il colore storicamente identificato ed amato dalla tifoseria partenopea, l’equazione fatta dal presidente del calcio Napoli “frange di tifo, camorra, periferia”, è fuorviante e lesiva.
Così si è voluto criminalizzare una passione, una identificazione, un modo di comportarsi che parte dall’essere tifoso fino ad arrivare ad una grande emozione pubblica e partecipata in maniera corale, a tratti incontenibile. E’ del tutto evidente che siamo i primi a condannare episodi violenti e qualsiasi comportamento che non rispetti le regole, dentro e fuori dallo stadio. 
Tuttavia da persona di periferia ritengo che una tale “associazione” offenda persone e territori di una parte della città, ne calpesta storia e sensibilità, rende debole il tessuto sociale che attraversa intere generazioni.

Tutto questo è lontano dallo sport”.

Tra il film horror andato in onda l’altra sera prodotto dalla De Laurentis & co e la commedia scritta e diretta da De Luca/Crozza dal titolo a’ Cantin e zì Pepp’, c’è tutto l’odio contro chi mette impegno, passione, tempo, valori e soprattutto onestà, che a quanto pare, è merce veramente rara nel panorama della politica attuale”.

comments