Canta Napoli, Koulibaly a Napoli come a Torino! battuta la Juve per 2-1!

image_pdfimage_print

Il Napoli di Spalletti scende in campo nell’anticipo delle 18:00 contro la Juventus di Allegri, gara valida per la terza giornata di Serie A Tim. Gli ospiti hanno numerose assenze a causa degli impegni con le nazionali ed infortuni vari, anche gli azzurri dovranno fare a meno di Meret e Lobotka più i vari infortunati Ghoulam, Demme e Dries Mertens, a poche ore dall’inizio del match anche Zielinski sembra essere in forte dubbio.

Il Napoli si schiera con il 4-3-3, debutto per Anguissa a centrocampo, Politano preferito a Lozano, in attacco Osimhen c’è! La Juventus si schiera con il 4-4-2 con Bernardeschi a sinistra e Rabiot a supporto di Morata con De Sciglio e Pellegrini terzini con Kulusevski sulla fascia destra, centrocampo affidato a Localtelli e McKennie e difesa a Bonucci e Chiellini, le assenze per la squadra di Allegri sono pesanti.

Il primo tempo vede la Juventus primeggiare nel risultato sul Napoli per 1-0 grazie ad un goal di Morata, creato grazie ad una papera clamorosa di Manolas, dopo il vantaggio i bianconeri gestiscono il match fino alla fine de primo tempo, il Napoli non ha dato alcun cenno di reazione. Nella ripresa, Spalletti cambia le carte in tavola e getta Ounas nella mischia, il pareggio non tarda ad arrivare con Matteo Politano al 56′ minuto di gioco, il Napoli mette la freccia e sorpassa con Kalidou Koulibaly al 85’minuto sugli sviluppi da calcio d’angolo segna a Napoli come a Torino e canta Napoli sugli spalti, azzurri in vantaggio e vittoriosi per 2-1!

in diretta dallo Stadio Maradona, Cosimo Silva

LA PARTITA:

Tensione che si taglia a fette al Maradona, grande entusiasmo tra i tifosi, prima del match canti e balli sugli spalti, oggi in quel di Fuorigrotta si respira aria di normalità, il COVID-19 sembra essere un lontano ricordo nonostante sia ancora attuale, però le misure di prevenzione sembrano funzionare bene e questo giova allo spettacolo in campo e fuori dal campo. Il Napoli parte subito alla grande, pochi secondi e subito la prima occasione è di Politano su assist di Insigne, l’esterno però spreca colpendola di testa, un vero e proprio ruggito azzurro che mette alle corde la Juvetus, Osimhen subito protagonista e difesa bianconera in affanno, al 10′ minuto però arriva la paperissima di Manolas, apparso in difficoltà già contro il Benevento oggi concede il bis, e Morata ne approfitta e ringrazia, Juve in vantaggio dopo solo pochi minuti di gioco.

Il Napoli sembra aver accusato il colpo, alla fine del primo tempo non c’è stato cenno di reazione da parte degli azzurri, tanto nervosismo ed inutili perdite di tempo che spezzano il gioco a danno dello spettacolo e purtroppo l’arbitro Irrati nelle decisioni, pende sempre a favore degli ospiti in un regime di tutela bianconera.

Nel secondo tempo spazio a Ounas nel Napoli, subito in campo al posto di Elmas, passando dal 4-3-3 ad un 4-2-3-1 più offensivo, sicuramente l’estro e la capacità di saltare l’uomo del calciatore algerino potrà essere una carta importante per scardinare la difesa degli ospiti. Al 56′ minuto lampo di Lorenzo Insigne con il suo tiro a giro, il portiere Szczesny fa una parata miracolosa ma sulla ribattuta arriva Politano che segna il goal del pareggio, si riaccende il match e si riparte dal 1-1. Cambio anche nella Juventus, fuori Pellegrini e dentro De Light, il tecnico degli ospiti passa ad un 3-5-2 puro per cercare di mantenere il pareggio, dopo il goal il Napoli si è scatenato e sta avanzando alla ricerca della rete del vantaggio, infatti i partenopei lanciano nella mischia anche Lozano al posto di Politano acclamato dai tifosi di casa e Zielinski al posto di Lorenzo Insigne. Al 81′ minuto esordio per Kean con la maglia della Juve, entra al posto di Morata, a pochi minuti dalla fine gli uomini di Spalletti sono tutti arroccati nell’area bianconera alla ricerca del goal che arriva al’ 85 minuto Koulibaly come a Torino segna la rete del vantaggio 2-1 per il Napoli!

Spalletti opera due cambi dopo il vantaggio, dentro Petagna e Malcuit, escono Osimhen e Mario Rui, la strategia è chiara, mantenere il vantaggio e far salire la squadra fino alla fine del match, il Napoli vince e vola in classifica, più sette sulla Juventus ed il popolo napoletano canta!!

Mundonapoli Sport 24 utilizza cookie di terze parti per garantire all'utente un esperienza di navigazione completa. il consenso può essere revocato in qualsiasi momento Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close