Calcio Serie A

Samp, Ferrero:”Il Napoli vincerà lo scudetto. Higuain un attaccante che comprerei”

image_pdfimage_print

La sua Sampdoria continua a vincere e vola verso la qualificazione in Europa League, Massimo Ferrero si gode il momento e ospite negli studi di Tiki Taka si diverte a dire la sua su tantissimi argomenti, dalla corsa al titolo al calciomercato, facendo anche qualche ‘scommessa’ un po’ azzardata.

Si parte col botto: “Chi vince il campionato? Il Napoli. Se potessi comprare un giocatore della Serie A chi prenderei? Higuain è un grande giocatore e lo prenderei subito, sente la porta come pochi. Un giudizio su Allegri? È un grande comunicatore, è un bravissimo allenatore e poi è uno che parla poco e lavora tanto”.

“Cosa mi ha dato il calcio in questi anni? Mi ha dato una popolarità inaspettata, ma alla fine io rappresento il popolo in maniera normale. Prendo l’autobus, sono uno di loro anche se ora il calcio mi ha dato popolarità. La cosa che mi fa felice qui alla Sampdoria è che, dopo che sono arrivato io, stiamo rifacendo il centro di allenamento, abbiamo inaugurato Casa Samp e la struttura a Bogliasco diventerà un fiore all’occhiello. Ci si guadagna col calcio? Se si tengono i conti in ordine e si tratta una squadra di calcio come un’azienda ci si può anche guadagnare.

Schick in difficoltà? È un talento naturale ed è un ragazzo pazzesco. Il tempo mi darà ragione, la pressione a Roma è enorme ma diamogli tempo e fra qualche anno varrà 100 milioni. La grande stagione di Quagliarella? È un uomo eccezionale, è un campione che si diverte ancora qui alla Samp”.

Eppure il presidente blucerchiato aveva cercato di ‘sostutuirlo’, come lui stesso ha ammesso: “Cutrone? Un ragazzo di prospettiva che regalerà tante soddisfazione. Ho provato a chiederlo sul mercato ma mi hanno risposto che era incedibile. Nelle giovanile del Milan però ci sono altri due giocatori molto interessanti…”

La conclusione sul Var: “Aiuta molto, è uno strumento importante che abbiamo voluto. Io in tempi non sospetti ho dichiarato che prima ci lamentavamo dell’arbitro, che è un uomo e può sbagliare, ora col Var ci lamentiamo tutti della tecnologia. Basta, andiamo avanti”.

Fonte:premiumsporthd.it

comments